Recensione di Maria Capone – "I delitti della Primavera" di Stella Stollo

i delitti della primavera50I libri sono viaggi per almeno due volte: per chi legge e per chi scrive le parole fanno volare la fantasia nello spazio e nel tempo. Ma è soltanto la mente a compiere il viaggio? A volte no, altre sì. Il pensiero spesso rimane appeso ad una sorta di cordone ombelicale che lega la nostra realtà a quella esposta dall’autore. Accade quando ci si trova a farsi ammaliare da un’abile penna, come quella della scrittrice Stella Stollo dove i luoghi, i personaggi, e tutto ciò che accade nel libro sembra accadere realmente. Il nostro ambiente si trasforma e viene trascinato a Firenze, tra botteghe di grandi Maestri d’Arte, come se fossimo amici o parenti e li avessimo lasciati soltanto poche ore prima. Il motivo per il quale l’autrice abbia scelto proprio Firenze, città culla dell’arte, e “L’Allegoria della Primavera” del Botticelli nota per la rappresentazione delle Arti come muse, sarebbe da chiedere all’autrice stessa.

Chi ha già letto gli altri libri di Stella Stollo di certo noterà immediatamente la diversità che caratterizza "I delitti della Primavera" presente tra le novità dalle edizioni Graphofeel. I diversi stili in esso presenti sono amalgamati sapientemente e rendono la trama un intreccio che si snoda tra il romanzo storico pittorico, la fantasia vera e propria - necessaria e inscindibile se si vuol riuscire a costruire una connessione tra l’Allegoria del Botticelli e le centinaia di specie vegetali utilizzate dall’artista per ricavarne le tinte e sfumature naturali presenti nell’opera - e il filone del giallo. Delitti spietati vengono via via a collegarsi alle figure ritratte sul quadro sconvolgendo gli abitanti di Firenze. La fantasia popolare rende istantaneamente vivida l’idea di un “mostro”, mentre il Maestro Botticelli suppone esserci un oscuro piano di una setta atta a distruggere i piani benevoli del suo amico Amerigo Vespucci sulla costruzione di un nuovo mondo basato sui valori dell’amore, della bellezza e della pace. Tutt’intorno alla storia ci sono i colori, le sfumature, le luci, le ombre di un quadro conosciuto e apprezzato anche da chi con l’Arte ha poco da condividere. Ciò che rappresenta l’insegnamento di questo libro non è soltanto la grande bellezza in esso presente, ma l’apprendere con un pizzico di tristezza che alcune peculiarità caratteriali dell’uomo nei confronti della donna, e in particolare quelle che riguardano discriminazioni, preconcetti, ingiustizie e violenze, sembrano non aver fatto alcun passo verso il progresso. Ora come allora, la società sembra essersi fermata in un limbo immutato di orribili brutture. Tuttavia si rimane rapiti, si cammina nella storia e nella Storia accompagnati da incredibili percezioni che soltanto le parole ben scritte sanno raccontare.

Distributore ufficiale

I nostri libri sono distribuiti in tutto il territorio nazionale da

Messaggerie Libri spa
Via Verdi, 8
20090 Assago (MI)
tel. 02.457741

Graphofeed

Per raggiungerci

HomeTrailer

Il Barone dell'Alba

Le Chajim - Alla vita

Social Mum

Vai all'inizio della pagina